IN PALESTRA SI VA A PIEDI

In Italia ci sono le industrie (pure fortemente inquinanti…) ubicate a pochi metri dai centri residenziali e le palestre che nascono in mezzo alla campagna, in tanta malora dove è impossibile andarci a piedi e allora fanno un mega parcheggio così la gente ci va in macchina senza problemi. Sono pure grandi, molto grandi, talmente grandi che mi domando perché in quel posto non ci portano le industrie e dove ci sono le industrie adesso portano le palestre che così ci si può pure andare a piedi (visto che molte industrie sono terribilmente vicine ai centri abitati).

Il problema è che in palestra bisogna andarci a piedi. Se ci vai in macchina fa bene alla salute della tua macchina che per funzionare bene ha bisogno di essere usata tutti i giorni (come noi) ma non fa bene alla tua salute.

Molti credono che sia sufficiente frequentare un po’ la palestra per stare in forma. E’ gente che praticamente non cammina più a che ha bisogno di camminare come del pane che mangia. Quel poco tempo libero che ha se lo gioca in palestra invece di andare a camminare. Non è che in palestra si facciano cose sconvenienti (almeno nella maggior parte delle palestre, soprattutto in quelle piccole dove in genere uno straccio di istruttore che si rende conto di cosa stai facendo esiste) solo che in palestra generalmente si risolvono questioni relative a deficit o squilibri muscolari che per fortuna riguardano una minoranza della popolazione. La maggior parte delle persone che vanno in palestra invece hanno bisogno di muoversi, non hanno bisogno di potenziare o riequilibrare una muscolatura che, tutto sommato, per quanto poco viene usata è quasi abbastanza efficiente. E’ gente che dovrebbe anzitutto ricominciare a camminare, poi man mano che si presentano degli inconvenienti legati al fatto che questi negli ultimi anni hanno camminato gran poco allora si può pensare a che urgenze ci sono in fatto di potenziamento muscolare. Al contrario gente che si muove troppo poco va a chiudersi in palestra a potenziare una muscolatura già discreta per poi continuare a muoverla troppo poco.

A persone che mi dicono che vanno in palestra ma non ne sentono benefici in termini di salute rispondo “Vacci a piedi, e se poi non hai più tempo di fare nulla salutali e torna a casa”.  Andare in palestra fa bene alla salute se ci vai a piedi, ma fare potenziamento muscolare per un soggetto che non cammina mai non è una cosa utile, al paradosso può essere pure sconveniente perché vai ad aumentare le richieste periferiche ad un cuore che è poco allenato che si trova con una situazione nuova da affrontare. Come dire che vai ad aumentare il peso della carrozzeria di un’automobile che ha il motore già spompato e avrebbe principalmente bisogno di una bella messa a punto del  motore.

Alcuni istruttori si rendono conto di questo ed hanno iniziato a proporre il tapis roulant o la cyclette (il famoso cardio-fitness) ai loro clienti perché altrimenti non sono in grado di affrontare nessun piano di potenziamento muscolare, ma è un po’ una presa in giro perché il cardio fitness, se uno non vuole morire di noia  si fa all’aperto. Il cardio fitness in palestra va bene per chi fuori non riesce a trovare compagnia.  A quel punto la palestra diventa una specie di discoteca ma allora quello è un problema sociale perché se devi chiuderti in palestra per trovare compagnia il problema non è tuo ma dell’assetto sociale che è veramente preoccupante.

Non voglio andare su discorsi fantascientifici ma se arriviamo al punto che l’attività fisica all’aperto la fanno i poveri cani e quelli benestanti la fanno in palestra allora vuol dire che siamo all’anno zero non solo dell’attività fisica ma anche della società in genere.

Io ho seguito spesso i gruppi di cammino dove teoricamente dovrei dare consigli per chi ha qualche problemino quando pratica il cammino sistematicamente. Molte persone mi hanno confidato che non hanno alcun problema a camminare, anzi se camminano un po’ di più stanno proprio benone (e così dovrebbe essere nella norma di persone abituate a camminare, purtoppo non è così per molti altri che non si ricordano nemmeno come si fa a camminare…) ma vengono nei miei gruppi perché hanno bisogno di compagnia e, peggio ancora, hanno pure paura a camminare in solitudine. Questo è un grande problema sociale e se può essere risolto dai gruppi di cammino ben vengano quelli ma accidenti sta storia di aver paura a camminare da soli non è per niente una bella cosa.

Ecco, allora, a maggior ragione, collocate le palestre vicino ai centri abitati e decentrate le industrie inquinanti in tanta malora perché la gente ha paura a camminare da sola e se mettete le palestre in posti troppo isolati la gente finisce per arrivarci in macchina.  “Ma non si riesce a trovare lo spazio per costruire un bel parcheggio…”. Un bel parcheggio per una palestra è una contraddizione in termini. Ne devono servire solo per i disabili ma per chi è normalmente deambulante la prima parte della lezione è proprio arrivare in palestra a piedi, così il gestore può pure permettersi il lusso di far fuori tutti i tapis roulant e le cyclette che occupano un sacco di spazio e sono pure decisamente antiestetiche.